Calunnia: configurabilità dell’elemento soggettivo del reato

Una madre, ricevendo confidenze da parte della figlia relative ad abusi sessuali che il padre avrebbe perpetrato nei suoi confronti, decideva di denunciare l'ex compagno. La donna aveva ritenuto necessario procedere alla denuncia del padre per due motivi: il racconto riferitole dalla figlia, poi trasfuso nel verbale di sommarie informazioni davanti all'Autorità Giudiziaria; le lesioni alla spalla ed al braccio destro comparse mentre la bambina era affidata al padre, per refertare le quali la madre accedeva alla Clinica pediatrica; Il procedimento veniva archiviato, non risultando attendibile la versione fornita dalla ragazzina.  Il PM,  nella sua richiesta di archiviazione, scriveva che non si poteva "escludere un condizionamento della bambina da parte della madre". Su tali basi, l'ex compagno  denunciava la madre per il reato di calunnia. Giunti a processo, la donna richiedeva di definire il procedimento a mezzo del rito abbreviato condizionato all'escussione della nonna della ragazzina. Conclusasi l'istruttoria, il Giudice per l'udienza preliminare (GUP) assolveva la madre con la formula "perché il fatto non sussiste". Egli rilevava...
Read More

Mobbing sul luogo di lavoro? No se la struttura lavorativa è complessa.

In primo grado, il Giudice monocratico assolveva l'imputato accusato di maltrattamenti verso una Sua sottoposta asserendo che "trattandosi di una sede provinciale di un ente pubblico" e non di un ambiente parafamiliare, come richiesto dalla norma incriminatrice, non fosse possibile procedere a condanna. Un tanto, pur riconoscendo che il dirigente aveva travalicato la sfera "relazionale dell'ambito lavorativo, secondo un disegno mirato ad emarginare il dipendente". Lo Studio appellava la sentenza di primo grado, rilevando che doveva applicarsi al caso concreto il reato di maltrattamenti, poichè, al di là della struttura complessa, bisognava verificare che rapporto di lavoro intercorresse tra  datore di lavoro e dipende. Cioè se si trattava di rapporto lavorativo caratterizzato da relazioni intense ed abituali e da soggezione di una parte nei confronti dell'altra. Secondo la nostra difesa, si trattava proprio di questo. Infatti, se per ipotesi dovessimo avvallare quanto sostenuto nella sentenza di primo grado, si creerebbe una disparità di trattamento tra un "soggetto subordinato che operi all'interno di una...
Read More

Diffamazione a mezzo Facebook

Il padre pubblica su Facebook  una foto che lo ritrae assieme alla figlia, aggiungendo una didascalia del seguente tenore: "Come avrei voluto che si fermasse il tempo.....!!!!" La madre, sentendosi provocata, commenta il post: "Il tuo tempo hai voluto fermarlo tu domenica scorsa quando hai gridato puttana e preso a calci la mamma di tua figlia e tutto ciò davanti agli occhi di lei". Fatto realmente verificatosi. Veniva tratta a giudizio per diffamazione aggravata per aver commesso il fatto a mezzo internet. La difesa è stata improntata tenendo conto di tre aspetti. Exceptio veritatis (art. 596, c. 2 n. 2, cp). Poiché l'offesa perpetrata dalla cliente consisteva nell'attribuzione di un fatto realmente accaduto, abbiamo provveduto a dimettere il certificato del Pronto Soccorso, attestante la lesione patita dalla donna in quell'occasione e l'atto di denuncia querela che aveva sporto. Provocazione (art. 599, c. 2, cp), quale causa di non punibilità nei delitti contro l'onore. E' stato dimostrato, in sede di escussione dei testi,...
Read More

Torneranno in Italia le minori?

Rapite dalla madre e portate in Senegal. E' accaduto a due bambine, cittadine italiane, residenti in Friuli. Rientrato presso l'abitazione famigliare, il padre aveva trovato l'appartamento vuoto. Veniva a sapere dalla suocera senegalese, poiché la moglie non rispondeva al telefono, che la figlia stava facendo ritorno nel suo Paese d'origine con le bimbe. Primariamente, l'uomo si rivolgeva ai Carabinieri della sua zona di residenza, sporgendo denuncia-querela nei confronti della propria moglie. La prima cosa da fare in questi casi è quella di chiedere l'attivazione dell'Interpol (Polizia internazionale). Si tratta di una procedura amministrativa che dovrebbe essere avviata immediatamente al momento della ricezione della denuncia-querela. Nel caso che ci occupa, l'attivazione è stata chiesta dalle Forze dell'Ordine con oltre tre mesi di ritardo. Si ricorda che, per attivare la Polizia internazionale, non è necessaria l'autorizzazione del Pubblico Ministero: ciò significa che gli inquirenti vi possono provvedere autonomamente. Il Senegal non ha aderito alla Convenzione dell'Aja del 25.11.1980 sugli aspetti civili della sottrazione internazionale di minori né alle convenzioni giudiziarie...
Read More