Mobbing sul luogo di lavoro? No se la struttura lavorativa è complessa.

In primo grado, il Giudice monocratico assolveva l'imputato accusato di maltrattamenti verso una Sua sottoposta asserendo che "trattandosi di una sede provinciale di un ente pubblico" e non di un ambiente parafamiliare, come richiesto dalla norma incriminatrice, non fosse possibile procedere a condanna. Un tanto, pur riconoscendo che il dirigente aveva travalicato la sfera "relazionale dell'ambito lavorativo, secondo un disegno mirato ad emarginare il dipendente". Lo Studio appellava la sentenza di primo grado, rilevando che doveva applicarsi al caso concreto il reato di maltrattamenti, poichè, al di là della struttura complessa, bisognava verificare che rapporto di lavoro intercorresse tra  datore di lavoro e dipende. Cioè se si trattava di rapporto lavorativo caratterizzato da relazioni intense ed abituali e da soggezione di una parte nei confronti dell'altra. Secondo la nostra difesa, si trattava proprio di questo. Infatti, se per ipotesi dovessimo avvallare quanto sostenuto nella sentenza di primo grado, si creerebbe una disparità di trattamento tra un "soggetto subordinato che operi all'interno di una...
Read More