Studio legale Toffano
tel: 0432 204563 - e-mail: avvrositoffano@gmail.com
Studio legale Toffano
tel: 0432 204563 - e-mail: avvrositoffano@gmail.com
Studio legale Toffano
tel: 0432 204563 - e-mail: avvrositoffano@gmail.com

Lo studio

Avvocato Toffano

Collaborazioni

L’AVVOCATA ROSI TOFFANO NOMINATA VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE REGIONALE PER LE PARI OPPORTUNITÀ DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Oggi, mercoledì 18 luglio 2019, presso il Consiglio regionale a Trieste, si è tenuta la seduta di insediamento della Commissione regionale per le pari opportunità fra uomo e donna del Friuli Venezia Giulia. In tale occasione sono state nominate la nuova presidente, Dusolina Marcolin, e le due nuove vicepresidenti, Rosi Toffano e Raffaella Palmisciano.

Alla neo insediata Commissione vanno le nostre congratulazioni e i nostri migliori auguri per il lavoro dei prossimi anni.

 

Far mancare i mezzi di sussistenza al coniuge separato configura reato

È quanto ribadito da una recente pronuncia della Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione la quale, con la Sentenza n. 30184 depositata in data 9.07.2019, ha ritenuto inammissibile il ricorso proposto dal difensore di fiducia di G.G. avverso la pronuncia della Corte d’Appello d’Ancona del 19.06.2017 la quale, confermando la sentenza del Tribunale di Ancona del 2014, condannava G.G. a pena di giustizia in relazione al reato di cui all’articolo 570 del codice penale “Violazione degli obblighi di assistenza familiare” per aver fatto mancare i mezzi di sussistenza alla moglie separata.

Nel caso di specie, l’imputato, a fronte di un importo dell’assegno di mantenimento pari ad Euro 500,00 mensili, aveva versato, nel corso del periodo di quasi cinque anni e mezzo, poco più di un terzo del dovuto. A causa di tale condotta da parte del G.G. l’ex moglie, come si evince anche dalle deposizioni dei due figli dell’imputato e della persona offesa e della sorella di quest’ultima, era stata costretta a chiudere, per mancanza di fondi, l’agenzia immobiliare e si era quindi venuta a trovare progressivamente in una situazione di “assoluta precarietàtotale degrado e abbandono, stato di crisi totale sotto il profilo economico, riduzione alla fame”.

Vano è parso, secondo quanto affermato dagli Ermellini, il tentativo del difensore di G.G. di eccepire l’incapacità economica dell’imputato: quest’ultimo – come emerge dagli atti – oltre a non aver mai sollecitato la modifica dell’assegno di mantenimento posto a suo carico, ha continuato, a riprova dell’inesistenza di una situazione di incapacità di adempiere (che onde rivestire portata scriminante, deve essere assoluta ed adeguatamente provata), a svolgere la propria attività di geometra e di imprenditore edile, collaborando inoltre con l’agenzia di intermediazione immobiliare della nuova compagna.

Cass. Pen. n. 30184_2019

L’Avvocata Rosi Toffano nominata componente della Commissione Regionale per le Pari Opportunità del Friuli Venezia Giulia

Il 22 aprile 2019, con Decreto Presidenziale n. 72, è stata costituita la nuova composizione della Commissione Regionale per le Pari Opportunità del Friuli Venezia Giulia. Tale Commissione, prevista con la Legge Regionale n. 23 del 1990, è Organo Consultivo del Consiglio e della Giunta regionale e cura il controllo e l’effettiva attuazione nel territorio regionale dei principi di eguaglianza e di parità sociale. Istituita con l’obiettivo di rimuovere gli ostacoli – in campo istituzionale, economico, sociale e culturale – che di fatto costituiscono discriminazione diretta e indiretta nei confronti delle donne, tale Organo consultivo regionale, tra le sue numerose funzioni, può presentare al Consiglio regionale osservazioni sui progetti di legge che direttamente o indirettamente abbiano rilevanza per la condizione femminile, oltreché predisporre e promuovere progetti tesi a espandere l’accesso al lavoro, i percorsi di carriera e ad incrementare le opportunità di formazione, qualificazione e riqualificazione professionale delle donne.

L’articolo 4 della Legge Regionale n. 23 del 1990 prevede che la Commissione sia composta: a) dalla Consigliera/Consigliere regionale di parità ex articolo 16 Legge Regionale n. 18/2005; b) da dieci commissarie e commissari nominati sulla base delle candidature espresse dalle associazioni e movimenti delle donne di riconosciuta rappresentatività regionale e dalle organizzazioni regionali degli imprenditori e imprenditrici e dei lavoratori e lavoratrici dipendenti e autonome maggiormente rappresentative; c) da quattro commissari e commissarie elette dal Consiglio regionale; d) dalle Consigliere regionali in carica e da un rappresentante dei Consiglieri regionali i quali fanno parte di diritto della Commissione con voto consultivo.

Nella nuova composizione della Commissione, che rimarrà in carica per la durata della legislatura, è stata nominata, in qualità di Commissaria, l’Avvocata Rosi Toffano, in rappresentanza di ZeroSuTre, Associazione ritenuta dalla Regione maggiormente rappresentativa e attiva in materia di pari opportunità e di contrasto alla violenza di genere.

Un ottimo traguardo per l’Associazione ZeroSuTre che continuerà, con costante impegno e professionalità, alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica rispetto al fenomeno della violenza di genere e che, grazie a tale nomina, potrà portare la sua esperienza, le sue proposte e i suoi progetti in sede di Commissione regionale.

Alla neo eletta Commissione e a tutti i suoi componenti vanno i nostri migliori auguri per un lavoro proficuo e concreto volto a contrastare la violenza sulle donne.

Decreto 102_2019

Patrocinio a spese dello Stato

cost_studio-toffanoL’Avvocato Toffano è iscritta nell’elenco degli avvocati abilitati al patrocinio a spese dello Stato (PSS).

Il DPR 30.05.2002 n. 115, Testo Unico Spese di Giustizia, stabilisce i requisiti in base ai quali è possibile essere ammessi al patrocinio a spese dello Stato.

In particolare, l’art. 76, comma 4 ter, prevede la possibilità di fruire del PSS per le persone vittime di maltrattamenti, abusi sessuali, stalking, a prescindere dai limiti di reddito minimi stabiliti dalla legge. Tale ammissione è in ogni caso subordinata alla discrezionalità del Giudice. Tuttavia, la recente sentenza della Cassazione penale di data 15.02.17 n. 13497 dispone che non sia più necessario depositare la dichiarazione dei redditi, limitando di fatto la discrezionalità del Giudice.

Per maggiori approfondimenti potete consultare la categoria dedicata a questo argomento nella sezione news.

Approfondimenti giurisprudenziali

Facebook

Lo Studio Legale Toffano ora è anche su Facebook!

Visita la pagina Studio Legale Avv. Rosi Toffano e clicca Mi piace per seguire l’attività dell’Avv. Rosi Toffano!